Visualizza carrello 

Casa Editrice
ALBALIBRI
Carissimi amici,

benvenuti nel nuovo sito di Albalibri, più moderno e ospitale grazie al quale potremo essere sempre più vicini a voi  scrittori e lettori. Per  chi lo desiderasse, per un breve periodo rimarrà comunque attivo anche il vecchio sito che potete ancora visitare a questo link:


Buona navigazione

Clirim Muca
 


Haiga in viagio


Prezzo € 15,00 Sconto 0%

le sillabe danzanti


Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Scie di luce

Lorella De Bon
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Sonetti

Clirim Muça
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Ombre sul mondo

Clirim Muça
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Grido

Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Le pietre in tasca

Silvia Conforti
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Euforismi per finta

Alberto Figliolia
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Doppio gioco

Rosario Pennone
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Platone l’avrebbe chiamato amore

Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Le categorie Etico Morali del codice consuetudinario albanese

Lutfi Alia
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

L a lezione del lombrico

Clirim Muca
Prezzo € 15,00 Sconto 0%

Le avventure di un mezzo gallo

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Gigetto e la città sommersa

Alberto Figliolia
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Lo zoo della favola

Clirim Muca
Prezzo € 15,00 Sconto 0%

Il giullare errante

Maura Picinich
Prezzo € 13,00 Sconto 0%

piove la luce

Ilir Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

fango di strada

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

rosa d’autunno

Fukurò
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

abbraccio d’acqua

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

haiku per caso

Alberto Figliolia
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Particole

Anna Bruna Gigliotti
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

L’amore sopra i grattacieli

Francesca Loiacono
Prezzo € 15,00 Sconto 0%

I racconti della terra dimenticata

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Con immutato affetto

Alessandra Casaltoli
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Nella scacchiera di Dio

Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Il sospetto di vivere

Lorella De Bon
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Poesie scelte

Clirim Muca
Prezzo € 20,00 Sconto 0%

Poesie scelte

Alberto Figliolia
Prezzo € 20,00 Sconto 0%

45 baci nell’acqua

Ana Vicent
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Dopo gli angeli precipitati

Alberto Figliolia
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Anka, una ballerina di Danzica

Alberto Figliolia / Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Il breve volo

Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Essere felici da soli è triste

Clirim Muca
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Torta di riso e stuzzichini vari

Ganni Corsolini
Prezzo € 10,00 Sconto 0%

Lo stupore del vuoto

Alberto Figliolia
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

La morte e la bambina

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

La bambina che parlava ai fiori

Clirim Muca
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Chorbet

Sandra Dema
Prezzo € 12,00 Sconto 0%

Esopo all’Onu

Clirim Muca
Prezzo € 15,00 Sconto 0%

<< Precedente - Successivo >>

Appuntamenti
Presentazione del libro Sonetti di Clirim Muca
18 aprile 2014
Castellina Marittima (PI)
maggiori informazioni

 
Senza Titolo
In costruzione
Senza Titolo
In costruzione
Senza Titolo
In costruzione
Senza Titolo
In costruzione
Haiku del giorno

Buio cielo

nel profondo degli occhi

annegan lumi


Nell’era dei messaggini l’haiku è la poesia del presente

di Çlirim Muça

Sono dell’idea che ogni buon poeta possa scrivere dei buoni haiku e ogni haijin possa scrivere della bella poesia. Solo che è più difficile per un poeta, se non accoglie l’haiku con lo stupore e la semplicità di un bimbo. Poiché in apparenza semplice, il poeta “di stampo europeo” scansa questo genere di componimento poetico. La semplicità molte volte è caratteristica del genio. Era un genio Basho che continua a stupirci tutt’ora, come lo è, in genere, lo spirito, il genio popolare che ci ha tramandato le perle del folclore, in tutte le popolazioni e in tutte le lingue.

Stupore, di fronte alla natura, semplicità d’espressione, sono due fondamentali requisiti richiesti al poeta di haiku.

L’incontro con l’haiku per il poeta occidentale può avvenire in due modi. Il primo è rimanerne folgorati e cercare di scoprire di più di esso, leggendo tutto ciò che si trova sul mercato sull’argomento, come le traduzioni dell’opera di grandi poeti giapponesi e non. Avviene tutto molto naturalmente, il poeta non si sforza neanche di contare le sillabe, gli haiku gli sgorgano come acqua melodiosa da una fontana.

Un altro requisito per scrivere dei buoni haiku è il ritmo poetico. Per quanto sia breve l’haiku ha un suo ritmo interno che lo rende melodioso. Nella scoperta per capire meglio l’haiku il nostro poeta haiku si imbatte nelle varie scuole di pensiero su come contare le sillabe, sull’haiku 

Molte volte la magia dell’ispirazione fa da sola e nella semplicità sceglie il metodo più idoneo, quello grammaticale. Ma, poiché l’italiano e molte altre lingue hanno una lunga storia di poesia, il nostro poeta può benissimo scrivere l’haiku seguendo la metrica.

Il secondo incontro è dettato... dalla moda. Si comincia a scrivere haiku perché va di moda, perché Tizio o Caio ne scrivono. E allora si va alla ricerca disperata di manuali haiku e ogni settimana si cambia scuola di pensiero. Le diciassette sillabe non sono un obbligo. Perché questo limite, se i versi riescono così belli con 19 oppure 21 sillabe? Perché non chiamare haiku anche quelli? Quelli che la pensano così sono in tanti e non hanno capito niente degli haiku. Vanno in giro con il sillabario, alla ricerca dell’ispirazione che non arriva.

Le 17 sillabe-Il distacco-Il kigo

Una conferenza nazionale di haiku secondo me serve a mettere dei paletti. Pochi, ma precisi.
Il primo paletto per me è quello delle 17 sillabe. Un bell’haiku di 18 o 19 sillabe è una breve poesia. Per fortuna noi occidentali abbiamo la poesia in versi liberi e Ungaretti ci insegna.

In un suo racconto Borges narra come dopo l’invenzione della bomba atomica le divinità del Giappone volevano distruggere l’umanità.
È vero disse una delle divinità. Hanno immaginato quella cosa atroce, ma anche questa, che sta nello spazio che abbracciano le sue 17 sillabe!”

Le scandì. Erano in un idioma sconosciuto e non poté intenderle. La divinità maggiore sentenziò: Che gli uomini vivano ancora!
Così, per opera di un haiku, la specie umana si salvò. Borges, L’Atlante.

Il secondo paletto è il distacco tra il primo verso e gli altri due; o tra i primi due e il terzo. In apparenza distaccati, sono invece collegati con fili invisibili. È lì che sta il guizzo. Altri- menti l’haiku è piatto. Una lunga distesa di sillabe interminabili, che hanno solo la pretesa di dirti tanto. Noiose descrizioni.

Nella nostra poesia è esistita ed esiste la descrizione poetica, ma l’haiku non l’accetta. Stiamo alla larga dalla descrizione poetica nell’haiku!

Il terzo paletto è il kigo, cioè il riferimento alla natura. Fonte primaria di ispirazione nell’haiku è la natura. Le stagioni ci parlano molto di più di quello che noi riusciamo a captare. Una foglia che cade o un fiocco di neve mi dicono di più delle parole tristezza o solitudine. Il suono dell’autoradio e il canto dell’usignolo non hanno la stessa valenza.

Il kigo dev’essere sempre presente. Il kigo potrebbe essere anche le stagioni interne dell’uomo.

Nella lunga strada dell’haiku, con questi pochi paletti abbiamo la striscia continua e discontinua delle carreggiate e le strisce pedonali.

Nessun ente o associazione si deve permettere di distribuire “patenti haijin”. Ciò si guadagna scrivendo haiku, sempre e ovunque.

Possiamo noi occidentali scrivere dei buoni haiku o dei capolavori? Chi deciderà del valore di quei lavori? I giapponesi saranno i nostri arbitri? Con tanto di cartellino giallo, rosso, verde?

Fino a ieri i giapponesi erano gli unici depositari degli haiku. Con l’avvento della globalizzazione il fenomeno haiku è diventato planetario.
Si può scrivere buoni haiku senza cambiare religione o senza incontrare per forza un guru o uno sciamano.

Noi occidentali oggi siamo come i romani di fronte alla poesia greca, venerata, copiata, sviluppata; portata poi all’apice con Dante, senza oscurare Omero o altri grandi.
Noi occidentali, se metteremo ai piedi dei sandali e prenderemo un bastone per percorrere le strade abbandonate delle nostre campagne, scriveremo dei grandi capolavori! Se cercheremo la strada più facile, più breve o il solo successo immediato, certo falliremo...

Sta a noi scegliere la strada da seguire!

(Intervento alla Seconda conferenza italiana haiku, Torino 28 giugno 2009)



Poesia della settimana

Potessi vangare le parole
costruirei una collina grigia
come la nuvola di Cozens,
o forse un tendone da circo
dove rifugiare la tristezza
delle ore spente. Potessi
vangare scaverei una buca
per gettarmi dentro e nuotare
finché morte non mi separi
da questa terra, da queste nuvole
che guardano in basso senza
trovare angeli; ed io, ogni angelo
che trovo divento muta e vado
a cercare parole all’inferno,
senza ritorno. Allora ti supplico:
sbrana questa mia vita cerchiata
di pelle, costruita d’ossa, affinché
l’urlo che sopprimo si schianti
su una collina e la morte deragli
altrove da questa stanchezza ottusa.

Lorella De Bon


Il racconto del mese
Il parlamento fluttuante

Era da giorni che i deputati si erano riuniti per discutere la questione più importante: la divisione della torta al cioccolato. Una gigantesca torta ricoperta di glassa al cacao con su una rossa ciliegia candita troneggiava in mezzo al Parlamento. Le diverse fazioni litigavano perché il Presidente non tagliava le parti in egual misura. Con la scusa della maggioranza, si teneva più di tre quarti per il suo partito e per tutti gli altri lasciava il poco rimanente. Come se non bastasse, quando andò a distribuire le porzioni, veniva tirato per la giacca dai suoi amici che gli ricordavano la sua promessa di un pezzo più grande. Uno lo tirava da un lato dicendo: "Non ti dimenticare il nostro patto!". E lui gli dava una fetta più grande.


 

Copyright 2014 - Albalibri - P.I. 04660980964  albalibri_autore_.html albalibri_booksheet_.html albalibri_booksheet_45_baci_nell’acqua.html albalibri_booksheet_abbraccio_d’acqua.html albalibri_booksheet_anka,_una_ballerina_di_danzica.html albalibri_booksheet_chorbet.html albalibri_booksheet_con_immutato_affetto.html albalibri_booksheet_dopo_gli_angeli_precipitati.html albalibri_booksheet_doppio_gioco.html albalibri_booksheet_esopo_all’onu.html albalibri_booksheet_essere_felici_da_soli_è_triste.html albalibri_booksheet_euforismi_per_finta.html albalibri_booksheet_fango_di_strada.html albalibri_booksheet_gigetto_e_la_città_sommersa.html albalibri_booksheet_grido.html albalibri_booksheet_haiga_in_viaggio.html albalibri_booksheet_haiga_in_viagio.html albalibri_booksheet_haiku_per_caso.html albalibri_booksheet_il_breve_volo.html albalibri_booksheet_il_giullare_errante.html albalibri_booksheet_il_sospetto_di_vivere.html albalibri_booksheet_i_racconti_della_terra_dimenticata.html albalibri_booksheet_la_bambina_che_parlava_ai_fiori.html albalibri_booksheet_la_morte_e_la_bambina.html albalibri_booksheet_le_avventure_di_un_mezzo_gallo.html albalibri_booksheet_le_categorie_etico_morali_del_codice_consuetudinario_albanese.html albalibri_booksheet_le_pietre_in_tasca.html albalibri_booksheet_le_sillabe_danzanti.html albalibri_booksheet_limerick_al_sole.html albalibri_booksheet_lo_stupore_del_vuoto.html albalibri_booksheet_lo_zoo_della_favola.html albalibri_booksheet_l_a_lezione_del_lombrico.html albalibri_booksheet_l’amore_sopra_i_grattacieli.html albalibri_booksheet_nella_scacchiera_di_dio.html albalibri_booksheet_ombre_sul_mondo.html albalibri_booksheet_particole.html albalibri_booksheet_piccolo_undici_-_petit_onze.html albalibri_booksheet_piove_la_luce.html albalibri_booksheet_platone_l’avrebbe_chiamato_amore.html albalibri_booksheet_poesie_scelte.html albalibri_booksheet_r.a.p.t.u.s..html albalibri_booksheet_rosa_d’autunno.html albalibri_booksheet_scie_di_luce.html albalibri_booksheet_sonetti.html albalibri_booksheet_torta_di_riso_e_stuzzichini_vari.html albalibri_contenuto_collane.html albalibri_contenuto_concorsi.html albalibri_contenuto_contatti.html albalibri_contenuto_home.html albalibri_contenuto_l'editore.html albalibri_evento_presentazione_del_libro_sonetti_di_clirim_muca.html albalibri_evento_presentazione_del_romanzo.html albalibri_evento_presentazione_libro_anka.html albalibri_evento_presentazione_libro_haiku.html albalibri_evento_senza_titolo.html albalibri_linked_pages_l'albergo_dei_poeti.html albalibri_news_haiku_del_giorno.html albalibri_news_il_parlamento_fluttuante.html albalibri_news_il_racconto_del_mese.html albalibri_news_il_raccont_del_mese.html albalibri_news_invecchierò_solo_cinque_minuti.html albalibri_news_i_miei_vangeli_apocrifi.html albalibri_news_i_racconti_del_mese.html albalibri_news_poesia_della_settimana_.html albalibri_news_potessi_vangare_le_parole.html albalibri_news_senza_titolo.html